(Re)framing our identities: su Collettiva.it la visita virtuale della mostra

reframing600E’ online dal Primo Maggio 2020 il video che consente la visita virtuale della mostra “(Re)framing our identities”, che è stata allestita dal 23 gennaio al 15 marzo presso la Camera del Lavoro Metropolitana di Bologna. Scarica l’introduzione al video sulla mostra qui.

In occasione della rassegna Art City, la CGIL di Bologna ha esposto, per la prima volta, il lavoro di fotografe operanti a livello internazionale che usano la fotografia come occasione di riflessione su temi psicologici, sociali, relativi alle diverse identità e strumento di cambiamento.

La mostra si intitola, non a caso, “Re-framing our identities” sia perché i progetti sono presentati su 12 pannelli, quasi 12 inquadrature, sia perché vengono proposti temi differenti, relativi al cambiamento.

Si affrontano temi diversi: dai rapporti intergenerazionali e tra vicini di casa, alle adolescenti e alle donne senza figli, alle diverse abilità percettive, alla scena musicale, prevalentemente maschile, a come affrontare con coraggio e positività le sfide che la vita presenta in un continuo RE-FRAMING, facendo chiaramente riferimento anche al mezzo fotografico.
Il gruppo, eterogeneo per temi e modalità espressive, nasce da una serie di iniziative organizzate dalla Royal Photographic Society in occasione del Centenario dell’acquisizione del diritto al voto da parte delle donne e fa capo a Sonia Lenzi, fotografa bolognese, che svolge gran parte della sua attività artistica a Londra.

Il gruppo è composto da:
Carol Allen-Storey, Marion Belanger, Reme Campos, Marisa Dowling, Denise Felkin, Sonia Lenzi, Laura Mallet, Petulia Mattioli, Carolyn Mendelsohn, Anne – Marie Michel, Ellie Ramsden e Arabella Schwarzkopf.

Nella versione video la voce narrante è di Donatella Allegro e la composizione di Ilaria Cimmino.

Il video è disponibile sul nuovo portale della CGIL Collettiva.it a questo indirizzo.

La visita virtuale è disponibile anche in lingua inglese a questo indirizzo.